Sistema di essicazione e vagliatura cippato

Modulo di essicazione e vagliatura cippato serie EPG in container

Fondamentale per il funzionamento continuativo ed affidabile degli impianti di cogenerazione (ad es. gassificatori), degli impianti per la produzione del pellet e per gli impianti alimentati a cippato, entrati in esercizio a decorrere dal 29 marzo 2012, in base a quanto disposto dal punto 2 dell’allegato 2 del D.Lgs 28/2011, dove l’accesso agli incentivi è vincolato al rispetto della conformità di detti combustibili alle classi di qualità A1 e A2, definita nella norma UNI EN 14961-4 (cippato).

La ricerca tecnologica del Team Pezzolato ha portato alla realizzazione di un nuovo sistema di stoccaggio, essicazione e preparazione del cippato adatto all'alimentazione di impianti di gassificazione che trasformano la biomassa in energia elettrica e calore, impianti di produzione di energia termica (caldaie a cippato) e impianti per la produzione del pellet. Il modulo di pretrattamento PEZZOLATO serie EPG è estremamente compatto, modulabile, con dimensioni ridotte tanto da essere containerizzabile e posizionato all’esterno di fabbricati agricoli o industriali.

Figura 1 - Modulo di essicazione Pezzolato EPG 50

Figura 2 - Modulo di essicazione Pezzolato EPG 100

Figura 3 - Modulo di essicazione Pezzolato EPG 200

Il cippato viene caricato nel serbatoio di stoccaggio che può avere dimensioni variabili a seconda delle esigenze del cliente. La quantità desiderata di cippato da trattare viene estratta dal serbatoio e portata nell'area di essicazione tramite l'azione di un rullo regolatore. Il processo di essicazione avviene utilizzando aria calda prodotta dallo scambio di calore tra l'aria esterna prelevata da un ventilatore e l'acqua calda proveniente dal motore di cogenerazione, nella batteria dell'impianto. Il grado di umidità che deve raggiungere il cippato viene definito da un software a bordo macchina e questo permette di impiegare la minor energia termica possibile durante tutto il processo di essicazione.

 

Figura 4 - Zona di convogliamento aria nell'area di essicazione

Successivamente, il cippato secco viene portato da una coclea di raccolata ad un sistema di vagliatura stagno per la separazione dalle polveri e dalle parti fini.

Figura 5 - Sistema di vagliatura

Il cippato essicato e con la giusta pezzatura viene, poi, trasportato da un sistema a coclea al serbatoio di caricamento dell’impianto di gassificazione (Figura 6).

Figura 6 - Cippato ideale per alimentare l'impianto di gassificazione

Il prodotto della vagliatura fine invece è ottimale per gli impianti per la produzione del pellet o per alimentare caldaie a cippato ad uso domestico (Figura 7) mentre la selezione di pezzatura grande può essere utilizzata nelle grosse centrali a biomassa o ripassato nel cippatore per ridurlo ulteriormente.

Figura 7 - Cippato fine per la produzione di pellet o per l'alimentazione di caldaie

 

MODULI DI ESSICAZIONE: MODELLI STANDARD

Pezzolato propone i seguenti modelli standard containerizzati:

SCHEDA TECNICA UM EPG 50 EPG 100 EPG 200
Capienza m3 11 22 48
Massa Kg 3000 6000 13000
Pezzatura cippato   G30 G30 G30
Ore funzionamento ore 24/24 24/24 24/24
Umidità di partenza cippato % 45 45 45
kW termici impiegati kW 45 90 180
Temperatura aria d'essicazione °C 80 80 80
Produzione minima cippato kg/h 50 100 200

 

web design e development: Med-use Srl